News ed aggiornamenti

/ News e aggiornamenti / DVR: cos’è e a cosa serve

31 Maggio 2019

DVR: cos’è e a cosa serve

Negli ultimi anni, il concetto di rischio nei luoghi di lavoro ha subito dei cambiamenti.

Elementi come fonte di pericolofattore ed entità di rischio sono stati analizzati con più rigore allo scopo di creare normative, mezzi di prevenzione e figure professionali in grado di far fronte alle "minacce" che incombono sui lavoratori durante lo svolgimento delle proprie mansioni. Si sente spesso dire "che prevenire è meglio che curare" ed è proprio in quest'ottica che è stata pensata l'elaborazione del documento di valutazione dei rischi o DVR.

Il DVR è un documento fondamentale del Testo unico sulla sicurezza sul lavoro (D.Lgs 81/2008) che le imprese devono obbligatoriamente redigere, custodire e esibire agli organi di controllo in caso di ispezione o richiesta di verifica.

Serve per identificare e valutare i rischi presenti in azienda e deve contenere le procedure e le misure di prevenzione e protezione idonee.

Come si effettua la valutazione dei rischi e perché deve essere fatta? Le indicazioni dell’articolo 29 del D.Lgs. 81/08.

In riferimento al documento di valutazione dei rischi riportiamo un estratto del testo del D.lgs. 81/08.

Articolo 29 - Modalità di effettuazione della valutazione dei rischi

  1. Il datore di lavoro effettua la valutazione ed elabora il documento di cui all’articolo 17, comma 1, lettera a), in collaborazione con il responsabile del servizio di prevenzione e protezione e il medico competente, nei casi di cui all’articolo 41.
  1. Le attività di cui al comma 1 sono realizzate previa consultazione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza.
  1. La valutazione dei rischi deve essere immediatamente rielaborata, nel rispetto delle modalità di cui ai commi 1 e 2, in occasione di modifiche del processo produttivo o della organizzazione del lavoro significative ai fini della salute e sicurezza dei lavoratori, o in relazione al grado di evoluzione della tecnica, della prevenzione o della protezione o a seguito di infortuni significativi o quando i risultati della sorveglianza sanitaria ne evidenzino la necessità. A seguito di tale rielaborazione, le misure di prevenzione debbono essere aggiornate. Nelle ipotesi di cui ai periodi che precedono il documento di valutazione dei rischi deve essere rielaborato, nel rispetto delle modalità di cui ai commi 1 e 2, nel termine di trenta giorni dalle rispettive causali. Anche in caso di rielaborazione della valutazione dei rischi, il datore di lavoro deve comunque dare immediata evidenza, attraverso idonea documentazione, dell'aggiornamento delle misure di prevenzione e immediata comunicazione al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza. A tale documentazione accede, su richiesta, il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza.
  1. Il documento di cui all’articolo 17, comma 1, lettera a), e quello di cui all’articolo 26, comma 3, devono essere custoditi presso l’unità produttiva alla quale si riferisce la valutazione dei rischi.
  1. Fermo restando quanto previsto al comma 6-ter, i datori di lavoro che occupano fino a 10 lavoratori effettuano la valutazione dei rischi di cui al presente articolo sulla base delle procedure standardizzate di cui all’articolo 6, comma 8, lettera f). Fino alla scadenza del terzo mese successivo alla data di entrata in vigore del decreto interministeriale di cui all’articolo 6, comma 8, lettera f), e, comunque, non oltre il 30 giugno 2013, gli stessi datori di lavoro possono autocertificare l’effettuazione della valutazione dei rischi. Quanto previsto nel precedente periodo non si applica alle attività di cui all’articolo 31, comma 6, lettere a), b), c), d) nonché g).
  1. Fermo restando quanto previsto al comma 6-ter, i datori di lavoro che occupano fino a 50 lavoratori possono effettuare la valutazione dei rischi sulla base delle procedure standardizzate di cui all’articolo 6, comma 8, lettera f). Nelle more dell’elaborazione di tali procedure trovano applicazione le disposizioni di cui ai commi 1, 2, 3, e 4.

6-bis. Le procedure standardizzate di cui al comma 6, anche con riferimento alle aziende che rientrano nel campo di applicazione del titolo IV, sono adottate nel rispetto delle disposizioni di cui all’articolo 28.

6-ter. Con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, da adottare, sulla base delle indicazioni della Commissione consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro e previa intesa in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, sono individuati settori di attività a basso rischio di infortuni e malattie professionali, sulla base di criteri e parametri oggettivi, desunti dagli indici infortunistici dell’INAIL e relativi alle malattie professionali di settore e specifiche della singola azienda. Il decreto di cui al primo periodo reca in allegato il modello con il quale, fermi restando i relativi obblighi, i datori di lavoro delle aziende che operano nei settori di attività a basso rischio infortunistico possono dimostrare di aver effettuato la valutazione dei rischi di cui agli articoli 17 e 28 e al presente articolo. Resta ferma la facoltà delle aziende di utilizzare le procedure standardizzate previste dai commi 5 e 6 del presente articolo.

6-quater. Con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, da adottarsi previo parere della Commissione consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro, sono individuati strumenti di supporto per la valutazione dei rischi di cui agli articoli 17 e 28 e al presente articolo, tra i quali gli strumenti informatizzati secondo il prototipo europeo OIRA (Online Interactive Risk Assessment).

  1. Le disposizioni di cui al comma 6 non si applicano alle attività svolte nelle seguenti aziende: a) aziende di cui all’articolo 31, comma 6, lettere a), b), c), d), f) e g); b) aziende in cui si svolgono attività che espongono i lavoratori a rischi chimici, biologici, da atmosfere esplosive, cancerogeni mutageni, connessi all’esposizione ad amianto; c) soppressa dall’art.29 del D.Lgs. 05 agosto 2009, n. 106

Sanzioni Penali

Sanzioni per il datore di lavoro

  • Art. 29, co. 1 - arresto da tre a sei mesi o ammenda da 3.071,27 a 7.862,44 euro [Art. 55, co. 1] - arresto da quattro a otto mesi se la violazione è commessa: o nelle aziende di cui all’articolo 31, comma 6, lettere a), b), c), d), f) e g) [Art. 55, co. 2, lett. a)]; o in aziende in cui si svolgono attività che espongono i lavoratori a rischi biologici di cui all’art. 268, co. 1, lett. c) e d), da atmosfere esplosive, cancerogeni mutageni, e da attività di manutenzione, rimozione smaltimento e bonifica di amianto [Art. 55, co. 2, lett. b)]; o per le attività disciplinate dal Titolo IV caratterizzate dalla compresenza di più imprese e la cui entità presunta di lavoro non sia inferiore a 200 uomini-giorno [Art. 55, co. 2, lett. c)].
  • Art. 29, co. 2 e 3: ammenda da 2.457,02 a 4.914,03 euro se adotta il documento di cui all’Art. 17, co. 1, lett. a) senza le modalità dei predetti commi [Art. 55, co. 3]

Sanzioni Amministrative

Sanzioni per il datore di lavoro e il dirigente

  • Art. 29, co. 4: sanzione amministrativa pecuniaria da 2.457,02 a 8.108,14 euro [Art. 55, co. 5, lett. f)].
In primo piano
  • 19 Agosto 2019

    DPI - Regolamento n. 2016/425

    Dal 21 Aprile 2018 è in vigore un nuovo regolamento sui DPI (i dispositivi di protezione individuale), il n. 2016/425. La forma di "regolamento" rende questo dispositivo obbligatorio così com'è in tutta l'Unione Europea. La Classificazione dei DPI è effettuata per ...

    Dettagli
  • 19 Agosto 2019

    RIDUZIONE TASSO INAIL 2020: MODELLO E GUIDA

    È stato pubblicato il nuovo modello (ex OT24 che da oggi si chiama OT23) “Riduzione del tasso medio per prevenzione – anno 2020” per le istanze di riduzione del tasso. Il modello, reperibile nella sezione “Moduli e modelli”, riguarda le istanze che saranno ...

    Dettagli
  • 19 Luglio 2019

    CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTO O RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (A-RSPP) MODULO B-SP1, MODULO B-SP2, MODULO B-SP3, MODULO B-SP4

    Giovedì 22 agosto 2019 inizierà il corso di formazione per Addetto o Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (ASPP – RSPP) Modulo B-SP1, Modulo B-SP2, Modulo B-SP3, Modulo B-SP4 La durata del corso é di 56 ore suddivise su sette ...

    Dettagli
  • 15 Luglio 2019

    CRITICITÀ DEL LAVORO A TURNI NELLE DONNE E NEGLI ANZIANI

    Un grande numero di lavoratori ha orari di lavoro atipici, ad esempio lavori a tempo parziale o nel solo week-end, orari straordinari e lavori a turni e notturni. E secondo alcuni dati di monitoraggio della situazione in 27 paesi della Fondazione europea di Dublino, i turnisti risultano oltre il ...

    Dettagli
  • 05 Luglio 2019

    Spazi confinati: Come lavorare in sicurezza nei serbatoi

    Operare all’interno di luoghi confinati con presenza di sostanze pericolose rappresenta una situazione riconosciuta di maggior rischio. Sono indispensabili informazione, formazione e procedure di sicurezza. Nell’ambito di lavori di manutenzione dei serbatoi hanno grande rilevanza dal ...

    Dettagli
  • 26 Giugno 2019

    LA FORMAZIONE E L’ADDESTRAMENTO NECESSARIO PER I LAVORI IN QUOTA

    Non c’è dubbio che tra le attività a maggior rischio per i lavoratori siano compresi i lavori in quota che, come indicato dal D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro), sono tutte le attività che espongono il ...

    Dettagli
  • 15 Giugno 2019

    LE CADUTE DALL’ALTO E LA SOSPENSIONE INERTE

    In tema di edilizia e di prevenzione sui luoghi di lavoro, si registrano, purtroppo, il maggior numero di incidenti sul lavoro. In questo contesto, risulta chiaro l’obiettivo da parte del legislatore di voler approfondire, in modo esaustivo e dettagliato, un argomento complesso e ricco di ...

    Dettagli
  • 31 Maggio 2019

    DVR: cos’è e a cosa serve

    Negli ultimi anni, il concetto di rischio nei luoghi di lavoro ha subito dei cambiamenti. Elementi come fonte di pericolo, fattore ed entità di rischio sono stati analizzati con più rigore allo scopo di creare normative, mezzi di prevenzione e figure ...

    Dettagli
  • 24 Maggio 2019

    DISCIPLINA REGIONALE E GIURISPRUDENZA SULLA SICUREZZA DELLE COPERTURE

    Secondo alcuni dati forniti dall’Inail il 65% degli infortuni per caduta dall’alto è riconducibile alle costruzioni ed in particolare all’attività di cantiere (52% c.a.). E riguardo agli incidenti dovuti a cadute dall’alto: Il 31% c.a. Sono connessi a ...

    Dettagli
  • 17 Maggio 2019

    FALSI ATTESTATI DI FORMAZIONE: SENTENZE DI CASSAZIONE PENALE

    Una interessante sentenza del mese scorso (Cassazione Penale, Sez.VII, 17 aprile 2019 n.16715) ha gettato una luce sul problema della non veridicità della documentazione di salute e sicurezza e, in particolare, sulla questione relativa ai falsi attestati di formazione. Nello specifico, la ...

    Dettagli
  • 05 Aprile 2019

    SICUREZZA SUL LAVORO: UOMINI E DONNE SONO UGUALI?

    L’intervento di Francesca Larese Filon “Salute e lavoro in un’ottica di genere” ci sottolinea quanto sia utile e importante riflettere su come affrontare, in materia di salute e sicurezza, i problemi correlati alle differenze di genere nei luoghi di lavoro. In anni recenti ...

    Dettagli
Hai bisogno di maggiori informazioni? Scrivici
Ragione Sociale*
Indirizzo*
Nome / Cognome*
Telefono*
Email*
Argomento di interesse*
Eventuale Corso di interesse
Messaggio