News ed aggiornamenti

/ News e aggiornamenti / SICUREZZA SUL LAVORO: UOMINI E DONNE SONO UGUALI?

05 Aprile 2019

SICUREZZA SUL LAVORO: UOMINI E DONNE SONO UGUALI?

L’intervento di Francesca Larese Filon “Salute e lavoro in un’ottica di genere” ci sottolinea quanto sia utile e importante riflettere su come affrontare, in materia di salute e sicurezza, i problemi correlati alle differenze di genere nei luoghi di lavoro.

In anni recenti è nata la medicina di genere che ha la finalità di “valutare l’influenza del genere nell’insorgenza di patologie, nella risposta ai farmaci e agli interventi preventivi”. Anche la medicina del lavoro ha cominciato a studiare le differenze nelle esposizioni professionali e nell’insorgenza delle patologie lavorative tenendo conto delle risposte diverse e delle suscettibilità che caratterizzano i due generi.

Tuttavia sono ancora poche le valutazioni del rischio che tengono in considerazione anche i rischi connessi al genere. E’ necessario approfondire tanti aspetti dati troppo spesso per scontati.

Un primo elemento da considerare è che esiste una “segregazione” di genere, cioè che certi lavori sono svolti prevalentemente da uomini, ad esempio nell’edilizia, nella metalmeccanica, nell’industria pesante; mentre altri sono svolti nella maggior parte dei casi da donne, ad esempio le insegnanti, le infermiere, le donne delle pulizie.

Essendo le esposizioni diverse a seconda del genere, perché maschi e femmine svolgono lavori diversi o mansioni diverse, diventa difficile produrre studi confrontando, a parità di esposizione, i due generi.

E’ necessario soprattutto considerare le differenze di metabolismo e di suscettibilità ai tossici.

Esattamente come la donna è maggiormente suscettibile all’alcol a causa di un metabolismo più lento ed una massa corporea minore, essa è in egual modo più esposta agli effetti tossici dei solventi per la sua rallentata funzionalità epatica che si occupa della biotrasformazione della maggioranza dei tossici industriali e voluttuari.

Dunque occorre porre maggiore attenzione al genere femminile e monitorare più attentamente i segni di sovraccarico del fegato e i limiti di esposizione (BEI) dei tossici nelle urine che attualmente sono stati calcolati su lavoratori maschi e quindi non è ben chiaro se proteggano anche le donne esposte. La relazione riporta poi anche indicazioni sull’esposizione ai metalli e, in particolare, al piombo.

Inoltre la donna per la sua struttura antropometrica (essendo più esile e con una massa muscolare inferiore) è maggiormente a rischio di patologie osteoarticolari quando esposta a movimentazione manuale dei carichi.

L’intervento si sofferma anche sulle differenze di genere riguardo ipoacusie, problemi cutanei, asma bronchiale e tumori.

L’ipoacusia da rumore è una delle più diffuse patologie professionali, in questo caso il condotto uditivo delle donne é più efficiente e questo comporta una migliore capacità acustica ed un calo fisiologico dell’udito minore rispetto agli uomini.

Per quanto riguarda le patologie cutanee: risultano essere più frequenti nelle donne in quanto la cute del genere femminile è più sottile e permeabile agli agenti irritanti e sensibilizzanti. Con riferimento ai risultati di alcuni lavori scientifici “a parità di lavoro le donne hanno un rischio di 2-3 volte superiore di sviluppare la dermatite da contatto”. Esiste tuttavia una segregazione di ‘genere’: alcune attività ad alto rischio di patologie cutanee vengono svolte in prevalenza da donne (parrucchiere, infermiere, pulitrici).

Per l’asma bronchiale i dati sono molto contradditori e ad oggi non possiamo dire se c’è un effetto differenziato in base al genere. Guardando le statistiche relative alla popolazione generale, il rischio di asma è maggiore nel maschio in età prepuberale e nella femmina in età postpuberale, per un effetto degli ormoni femminili sulla reattività immunologica.

Infine il rischio di tumore polmonare professionale è maggiormente a carico del genere maschile, infatti, sono i maschi che risultano maggiormente fumatori e più esposti ad agenti cancerogeni professionali. Anche in questo caso la segregazione di ‘genere’ gioca un ruolo cruciale.

Le indicazioni dimostrano come per molte malattie professionali esista una diversa suscettibilità fra i due generi, legata a fattori anatomici, ormonali, metabolici, ma anche ad una segregazione di genere. E’ necessario considerare il genere sia nella valutazione del rischio che nelle azioni di prevenzione.

Vi riportiamo di seguito il pdf scaricabile sull’intervento “ Salute e lavoro in un’ottica di genere” a cura di Francesca Larese Filon (Delegata del Rettore per la qualità degli ambienti e delle condizioni di lavoro, salute e sicurezza dei lavoratori, Università di Trieste).

In primo piano
  • 19 Agosto 2019

    DPI - Regolamento n. 2016/425

    Dal 21 Aprile 2018 è in vigore un nuovo regolamento sui DPI (i dispositivi di protezione individuale), il n. 2016/425. La forma di "regolamento" rende questo dispositivo obbligatorio così com'è in tutta l'Unione Europea. La Classificazione dei DPI è effettuata per ...

    Dettagli
  • 19 Agosto 2019

    RIDUZIONE TASSO INAIL 2020: MODELLO E GUIDA

    È stato pubblicato il nuovo modello (ex OT24 che da oggi si chiama OT23) “Riduzione del tasso medio per prevenzione – anno 2020” per le istanze di riduzione del tasso. Il modello, reperibile nella sezione “Moduli e modelli”, riguarda le istanze che saranno ...

    Dettagli
  • 19 Luglio 2019

    CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTO O RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (A-RSPP) MODULO B-SP1, MODULO B-SP2, MODULO B-SP3, MODULO B-SP4

    Giovedì 22 agosto 2019 inizierà il corso di formazione per Addetto o Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (ASPP – RSPP) Modulo B-SP1, Modulo B-SP2, Modulo B-SP3, Modulo B-SP4 La durata del corso é di 56 ore suddivise su sette ...

    Dettagli
  • 15 Luglio 2019

    CRITICITÀ DEL LAVORO A TURNI NELLE DONNE E NEGLI ANZIANI

    Un grande numero di lavoratori ha orari di lavoro atipici, ad esempio lavori a tempo parziale o nel solo week-end, orari straordinari e lavori a turni e notturni. E secondo alcuni dati di monitoraggio della situazione in 27 paesi della Fondazione europea di Dublino, i turnisti risultano oltre il ...

    Dettagli
  • 05 Luglio 2019

    Spazi confinati: Come lavorare in sicurezza nei serbatoi

    Operare all’interno di luoghi confinati con presenza di sostanze pericolose rappresenta una situazione riconosciuta di maggior rischio. Sono indispensabili informazione, formazione e procedure di sicurezza. Nell’ambito di lavori di manutenzione dei serbatoi hanno grande rilevanza dal ...

    Dettagli
  • 26 Giugno 2019

    LA FORMAZIONE E L’ADDESTRAMENTO NECESSARIO PER I LAVORI IN QUOTA

    Non c’è dubbio che tra le attività a maggior rischio per i lavoratori siano compresi i lavori in quota che, come indicato dal D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro), sono tutte le attività che espongono il ...

    Dettagli
  • 15 Giugno 2019

    LE CADUTE DALL’ALTO E LA SOSPENSIONE INERTE

    In tema di edilizia e di prevenzione sui luoghi di lavoro, si registrano, purtroppo, il maggior numero di incidenti sul lavoro. In questo contesto, risulta chiaro l’obiettivo da parte del legislatore di voler approfondire, in modo esaustivo e dettagliato, un argomento complesso e ricco di ...

    Dettagli
  • 31 Maggio 2019

    DVR: cos’è e a cosa serve

    Negli ultimi anni, il concetto di rischio nei luoghi di lavoro ha subito dei cambiamenti. Elementi come fonte di pericolo, fattore ed entità di rischio sono stati analizzati con più rigore allo scopo di creare normative, mezzi di prevenzione e figure ...

    Dettagli
  • 24 Maggio 2019

    DISCIPLINA REGIONALE E GIURISPRUDENZA SULLA SICUREZZA DELLE COPERTURE

    Secondo alcuni dati forniti dall’Inail il 65% degli infortuni per caduta dall’alto è riconducibile alle costruzioni ed in particolare all’attività di cantiere (52% c.a.). E riguardo agli incidenti dovuti a cadute dall’alto: Il 31% c.a. Sono connessi a ...

    Dettagli
  • 17 Maggio 2019

    FALSI ATTESTATI DI FORMAZIONE: SENTENZE DI CASSAZIONE PENALE

    Una interessante sentenza del mese scorso (Cassazione Penale, Sez.VII, 17 aprile 2019 n.16715) ha gettato una luce sul problema della non veridicità della documentazione di salute e sicurezza e, in particolare, sulla questione relativa ai falsi attestati di formazione. Nello specifico, la ...

    Dettagli
  • 05 Aprile 2019

    SICUREZZA SUL LAVORO: UOMINI E DONNE SONO UGUALI?

    L’intervento di Francesca Larese Filon “Salute e lavoro in un’ottica di genere” ci sottolinea quanto sia utile e importante riflettere su come affrontare, in materia di salute e sicurezza, i problemi correlati alle differenze di genere nei luoghi di lavoro. In anni recenti ...

    Dettagli
Hai bisogno di maggiori informazioni? Scrivici
Ragione Sociale*
Indirizzo*
Nome / Cognome*
Telefono*
Email*
Argomento di interesse*
Eventuale Corso di interesse
Messaggio